Videocitofoni, con Hik-Connect vedi sullo smartphone chi suona alla porta

L’app testata direttamente da Elettric-co!

L’AZIENDA HA IMPLEMENTATO NELLA SUA APP ANCHE I VIDEOCITOFONI: VI PRESENTO VIDEO INTERCOM

Tra le ultime frontiere della videosorveglianza ci sono i videocitofoni che si possono interfacciare con una app sullo smartphone.

In pratica?
Qualcuno suona al campanello di casa vostra e potete rispondere sia dall’apposito monitor interno, sia tramite applicazione su telefonino, tablet… ovunque voi vi troviate! Inoltre viene catturata e archiviata un’immagine di chi ha suonato il campanello. Molto utile se siete via o in vacanza e volete avere maggiore controllo su chi si avvicina al cancello o al vostro ingresso.

Leggi tutto “Videocitofoni, con Hik-Connect vedi sullo smartphone chi suona alla porta”

La videosorveglianza non va d’accordo con il fai da te

IL SETTORE È COMPLESSO, LE NORME TANTE: QUESTI E ALTRI MOTIVI PER CHIEDERE A UN PROFESSIONISTA

 

Partiamo dal concetto base: se vuoi installare un impianto di videosorveglianza, non puoi ricorrere al fai da te.

Di recente ho frequentato un corso di aggiornamento sulla privacy, e in questo articolo voglio togliere tutti i dubbi a chi ancora pensa che la soluzione migliore sia comprare una telecamera su Amazon e poi appenderla da qualche parte…

Per chi fosse nuovo sul sito, lascio qui il link a un articolo dove parlo di telecamere, Gdpr e sicurezza dei dati. Un riassunto delle ultime novità normative che restano valide e servono a capire i punti che vi elenco qui sotto.

Leggi tutto “La videosorveglianza non va d’accordo con il fai da te”

Sicurezza: la tecnologia corre, la qualità aumenta

COSA OFFRE IL SETTORE: PER ESEMPIO, NUOVI MODI DI EVITARE I FALSI ALLARMI

In uno dei primi articoli su questo sito ricordavo che la sicurezza di un edificio non si improvvisa.

Anche in questo settore, come in tutti ormai, la tecnologia corre, e veloce, e anche la normativa si evolve. La scorsa settimana sono stato a una giornata di formazione organizzata dall’azienda Hikvision su alcuni nuovi prodotti che usciranno nei prossimi mesi e su come saranno aggiornati i software (i programmi) degli impianti di sicurezza.

Non c’è dubbio che gli impianti di sicurezza stiano diventando sempre più precisi nella rilevazione e sempre più avanzati, tecnicamente parlando. Senza contare che Hikvision è uno dei rappresentanti più autorevoli di questo settore, con una crescita media come azienda superiore al 53% negli ultimi 10 anni. Durante il 2019 parteciperò ad altri corsi e vi terrò aggiornati, in vista anche di “Sicurezza” a FieraMilano dal 13 al 15 novembre.

Intanto vi posso dire che, cercando di mettermi sempre nei panni di un cliente che deve valutare l’installazione di questo tipo di impianti, vedo molte opportunità: facendo gli acquisti giusti e affidandoci a dei professionisti competenti, possiamo davvero proteggere la nostra casa (o il nostro posto di lavoro) in modo sempre più efficace.

Leggi tutto “Sicurezza: la tecnologia corre, la qualità aumenta”

La sicurezza non va in vacanza

Photo by Samuel Zeller on Unsplash

SEMPLICI CONTROLLI ALL’IMPIANTO DI ALLARME E A QUELLO ELETTRICO VI FANNO PARTIRE PIÙ TRANQUILLI

 

Pulire, chiudere il gas, chiudere l’acqua, buttare la spazzatura: sono tutti buoni consigli da mettere in pratica prima di partire per le vacanze, e ritrovare la casa in ordine al ritorno. C’è un’altra abitudine, però, che ci aiuta a non avere sorprese, ed è la sicurezza. Possiamo domandare ai vicini di tenere sotto controllo la nostra abitazione e di fare qualche visita regolare, mentre siamo via. Ma siamo noi i primi responsabili, come ormai ho ripetuto più volte, e in questo articolo vi spiego come mettere in sicurezza la vostra casa in modo semplice ma efficace.

Leggi tutto “La sicurezza non va in vacanza”

Un allarme che funziona bene? Dipende anche da te

È come il tagliando della macchina: se lo facciamo, manteniamo efficiente il nostro mezzo di trasporto e possiamo restare dentro la garanzia

LE RESPONSABILITÀ DELL’INSTALLATORE, MA ANCHE QUELLE DEL COMMITTENTE

La copertura assicurativa è prestata a condizione che l’assicurato sia in possesso del certificato di installazione; provveda all’attivazione tutte le volte che nei locali che contengono le cose assicurate non vi sia presenza di persone; lo mantenga efficiente”.

Questa è una frase che vi sarà capitato o vi capiterà di leggere, perché si tratta di una nota contenuta in un contratto di assicurazione sulla casa.

L’impianto, cui si fa riferimento, è “un impianto automatico di allarme antifurto”, e qui entro in gioco io.

Perché, attenti bene:

in caso di assicurazione sulla casa contro il furto, i primi documenti che vi chiederanno saranno le certificazioni dell’impianto di allarme. E, se un impianto non ha le certificazioni, non solo molto probabilmente non funzionerà come dovrebbe (e già qui…), ma potreste vedervi tolti eventuali risarcimenti dell’assicurazione, se nel contratto di assicurazione avete dichiarato di avere un impianto di allarme.

Questo implica che, a monte, siano rispettati degli obblighi molto precisi, sia da parte di chi installa l’impianto, sia da parte di chi commissiona il lavoro (il cliente, voi):

  • l’installazione di un impianto di allarme deve essere a norma;
  • l’installatore ha delle responsabilità, da contratto;
  • l’installatore deve rilasciare una certificazione (vedremo quale);
  • anche il cliente ha delle responsabilità.

Analizziamo un punto alla volta.

Leggi tutto “Un allarme che funziona bene? Dipende anche da te”